This site uses technical, analytics and third-party cookies.
By continuing to browse, you accept the use of cookies.

Preferences cookies

Inaugurazione della mostra fotografica “Looking Beyond. Guardare Oltre” (11 maggio – 15 agosto 2023)

IMG-1574

L’Uganda National Museum, in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia in Uganda, ospita dall’11 maggio al 15 agosto 2023 la mostra di immagini satellitari “Looking Beyond. Guardare oltre”, promossa dal Ministero italiano degli Affari Esteri col contributo dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e delle aziende e-GEOS e Telespazio attive nel campo delle soluzioni e dei servizi satellitari.

La mostra e’ stata inaugurata giovedi 11 maggio alle ore 17.30 nella Transport Gallery dell’Uganda National Museum, alla presenza dell’Ambasciatore Massimiliano Mazzanti, della ministra della Scienza e della Tecnologia, Monica Musenero, del Ministro del Turismo, Tom Butime e dell’Ing. Maurizio Toninelli, in servizio presso il centro spaziale “Luigi Broglio” ASI di Malindi in Kenya

Il progetto consiste in un percorso espositivo di immagini acquisite dalla costellazione satellitare COSMO SkyMed teso a valorizzare la ricerca italiana su scienza e spazio e sensibilizzare il pubblico ugandese sui molteplici utilizzi delle tecnologie di rilevamento satellitare, in particolare in campo agricolo, nel settore delle infrastrutture, in materia di prevenzione e gestione del cambiamento climatico e dei disastri ambientali. La mostra rappresenta un’occasione per presentare e condividere un approccio in cui l’Italia crede fermamente, quello di mettere la scienza al servizio della pace, della sicurezza e della prosperità del nostro pianeta.

In Uganda si registra un interesse crescente per il settore spaziale e negli scorsi e’ stato lanciato nello spazio il primo satellite ugandese “PearlAfricaSat-1”.

COSMO-SkyMed. è uno dei programmi più innovativi nel campo dell’osservazione della Terra, finanziato dall’ASI e dai Ministeri italiani della Difesa e dell’Università. Il sistema si basa su una configurazione di quattro satelliti dotati di sensore SAR (Synthetic Aperture Radar), capaci di osservare il pianeta sia di giorno che di notte, in qualsiasi condizione atmosferica. Concepito per scopi duali, il programma è in grado di soddisfare esigenze civili e militari.